pubbli6.gif (12403 byte)

Archivio  anno 2016/2017

                           Direttore Sifu Alessandro Costantino        Anno II  Numero 11

NOVEMBRE 2017

 JKD NEWS .......sport e cultura

Confrontarsi secondo Bruce Lee
Quando Bruce parlò del confronto, Egli lo ponava da sempre su due livelli: confrontarsi fisicamente e poi confrontarsi tra persone e persone nella vita quotidiana. Quando l’esperienza marziale e il tempo che passa ti rende radicato nella tua esperienza e sicuro di te stesso, la tendenza naturale ti portera’ ad essere certo che è più facile evitare qualsiasi confronto, e che non è affatto necessario dimostrare a se stessi che si puo’ essere migliore degli altri. Bruce stesso, ci ha spesso consigliato di evitare prove di abilità verso amici o conoscenti, perché da sempre iniziano su base amichevole, e poi come sempre, finiscono in un antagonismo terribile e senza ritorno. “Eliminate tutte le opportunità di rivalità”, era solito dire da sempre. Bruce non credeva nelle competizioni, credeva soltanto di essere presente solo nel momento nel.......................continua
Avrebbe dovuto avere questo nome
“Jeet Zen Do”…..Proprio cosi’ amici, il nome della tanto famosa nonche’ ancor adesso discussa arte creata da Bruce Lee, avrebbe dovuto portare oggi quel nome tanto strano, nome che oggi avrebbe fatto storcere il naso a migliaia e migliaia di praticanti e simpatizzanti. In questo breve articolo, racconteremo come Si Jo’ bruce, stava per chiamare la sua arte proprio col nome di Jeet Zen Do…era un pomeriggio d’estate del 1967, quando Bruce si trovava, come al solito, in compagnia del suo grande amico, allievo e consigliare ammirabile, Dan Inosanto, nella propria casa di Los Angeles, quando lo stesso Bruce rivolgendosi ad Inosanto gli Disse: “Dan, ti ricordi quando ti ho parlato di quel mio progetto di costruire un qualcosa che possa avere tutte le caratteristiche, sia tecniche che spirituali, di una arte tutta mia, molto personale..................continua
NOV17-4.jpg (8435 byte) Ricerca la tua esperienza personale
Ricercare la tua esperienza personale, significa prima di tutto assorbire ciò che è utile, rifiutare ciò che è inutile, e aggiungere ciò che è essenzialmente tuo ".”Bruce Lee”.
L'idea di continuare a ricercare e raffinare la propria esperienza è stata la chiave del modo di vivere e di vedere l’arte da parte di Bruce Lee. Quando Bruce decise di allontanarsi dalle arti marziali tradizionali, lo fece anche perche’ voleva sapere cosa funzionasse veramente in combattimento e cosa no, come addestrare il suo corpo per prepararsi a dei veri conflitti, ma soprattutto lo ha fatto per liberare se’ stesso e gli altri dalla schiavitu’ di modelli, stili e metodi, ma soprattutto da imposizioni obbligatorie. Bruce ha conosciuto il processo di combattimento dal lato .......................continua
Il pugno? Un’arma solo umana grazie all’evoluzione
Le giuste proporzioni tra la lunghezza delle falangi e l’ampiezza dei palmi, permette agli esseri umani di chiudere le mani in maniera unica e proporzionata, La migliore per combattere.
Essere scesi dagli alberi per assumere una posizione eretta ha consentito ai nostri antenati di arrivare ad avere diverse soluzioni, anche quella di combattere molto più agilmente. L’evoluzione, infatti, ha trasformato le mani di Homo sapiens in un’arma naturale, completamente sconosciuta alle scimmie. Non si tratta solo della capacità di lavorare e costruire strumenti: sarebbero proprio i pugni serrati degli esseri umani a fare la differenza. Lo sostiene uno studio pubblicato sul Journal ........................continua

LA VITA DI BRUCEE LE
SIFU ALESSANDRO

pubbli99.gif (28969 byte)

                                      

JKD NEWS Periodico di informazione sportiva di Arti Marziali  - Aci S.Antonio - CT   - 342.8847944   -  info@jkdnews.it