pubbli6.gif (12403 byte)

HOME PAGE

                           Direttore Sifu Alessandro Costantino        Anno II  Numero 08

AGOSTO 2017


La flessibilità delle gambe
________________________________________________________________________

Continua la rubrica dedicata agli esercizi preferiti da Bruce Lee. In questo nuovo articolo, parleremo della flessibilità e funzionalita’ che possono raggiungere le nostre gambe. L’immensa conoscenza acquisita e gli straordinari risultati raggiunti da Bruce Lee in fatto di gesti atletici fisici e tecnici eseguiti, era dovuta all’enorme allenamento a cui lui stesso si sottoponeva quotidianamente, dedicandosi per ore ed ore per fare in modo da ottenere determinati obbiettivi che lui stesso si era prefissato di raggiungere; per cui, logicamente, si ritrovava sempre in continuo progresso essendo avanti anni luce rispetto ad altri praticanti del suo tempo, sfruttando cosi’ sicuramente, le capacita’ che tanto lo avevano fatto notare nel mondo delle arti marziali di allora, ma soprattutto nel cinema: il tutto fu’ la sua straordinaria flessibilità ed estrema rapidita’ che gli permetteva di eseguire movimenti tecnici elastici, tali da renderlo immediato come un proiettile. Ogni anno aggiungeva una decina di nuovi allungamenti per migliorare la capacita’ del suo corpo, di sopportare carichi di lavoro sempre piu’ pesanti e massacranti, suddividendo il tutto in angoli differenti, incrementando cosi la sua capacita’ generale di esprimersi con ogni mezzo e con ogni parte del suo stesso corpo. Quelli che elenchiamo qui sotto, sono alcuni degli esercizi che Bruce Lee riteneva efficaci:
“Allungamento del bicipite femorale”:
Esercizio per l’aumento della flessibilità dei muscoli posteriori della coscia. Tenendo le gambe dritte, piegatevi in avanti e toccate i piedi con le mani. Più avanti, sarete in grado di toccare le cosce con il dorso utilizzando sempre tale posizione; Ci sono due varianti a questo esercizio: Nella prima divaricate le gambe e piegandovi, afferrate le gambe con ciascun braccio- Nella seconda piegatevi leggermente di lato e afferratevi una caviglia con entrambe le mani, tirando con delicatezza il torso verso il basso.
“Allungamento del bicipite femorale” (con un compagno):
Con entrambe le gambe diritte state dritti in equilibrio su un piede solo e stendete l’altra gamba in modo che il piede sia tenuto da un compagno o sia appoggiato su un tavolo o un’altra superficie piatta. Herb jackson creò, ad esempio, creo’ una sbarra per lo stratching sulla quale Bruce Lee appoggiava un piede e si allungava (persino mentre leggeva un libro). In questo esercizio il torso dovrebbe essere relativamente diritto e le braccia dovrebbero essere estese in avanti. Per conseguenza,piegatevi lentamente in avanti e cercate di spingere il torso contro la coscia. Entrambe le gambe dovrebbero rimanere diritte durante il movimento.
“Allungamento di Hurdler”:
Questo esercizio, prevede l’allungamento dei tendini del ginocchio e dei muscoli dell’inguine, per cui sedetevi per terra e stendete in avanti la gamba destra, tenendola tesa durante il movimento. La gamba sinistra dovrebbe essere piegata contro la gamba destra in modo che la pianta del piede sinistro poggi contro l’interno coscia della gamba destra. Piegatevi in avanti sopra la gamba destra e afferratevi la caviglia. Spingete verso il basso il torso con dolcezza finché non arrivi a toccare la coscia destra. Dopo esservi allungati con la gamba destra in avanti, fate lo stesso numero di allungamenti con la gamba sinistra in avanti. In genere, io consiglio sempre ai miei studenti di ripetere qualsiasi di questi esercizi, che deve essere allenato senza pause, in modo da essere eseguito a cinque serie per gamba.