HOME PAGE

                           Direttore Sifu Alessandro Costantino        Anno III  Numero 11

NOVEMBRE 2018


Bruce Lee e la connessione con la cultura afro-asiatica
________________________________________________________________________

In uno speciale incontro per commemorare il 45° anniversario della scomparsa di Bruce Lee, il comico e scrittore vincitore di Emmy Award W.Kamau Bell, il biografo e critico culturale di Bruce Lee, Jeff Chang, insieme alla figlia di Bruce Lee Shannon, e con il moderatore e antropologo culturale Sharon Ann Lee, hanno tenuto una discussione sull'eredità duratura di Bruce Lee e su come sia potuto diventare un'icona inaspettata per la comunita' afro-asiatica. Questa conversazione si è svolta durante un importante incontro nella Aloud della Library Foundation, il 17 luglio 2018 presso la Biblioteca pubblica di Los Angeles. Aloud, è una serie di conversazioni, letture e performance dinamiche che si sono svolte nella storica Biblioteca Centrale nel DTLA. Aloud è stato in esclusiva presentato dalla Library Foundation di Los Angeles, che e' supportata da se' stessa. Bruce Lee è emerso alla fine degli anni '60 durante un periodo di crescente coscienza del terzo mondo. Nei suoi film, Bruce ha avanzato la politica culturale radicale di un perdente anti-coloniale, anti-razzista, che è perfettamente in linea con i movimenti sociali di quel momento storico, specialmente negli Stati Uniti, dove esistevano ancora cartelli e scritte che dicevano: "Niente cani o cinesi, accesso consentito solo a bianchi americani ". La segregazione purtroppo, è la vera ragione monetaria e razziale per cui il pubblico afroamericano è stato il primo a trovarsi perfettamente in linea Bruce Lee, al di fuori di Hong Kong. Con White Flight dalle città, i cinema nelle periferie avevano una programmazione diversa rispetto ai teatri esistenti. I film di Hong Kong arrivarono a buon mercato, quindi furono inseriti insieme ad altre programmazioni dal basso costo in tutti i cinema della città e nelle sue periferie. I film di Bruce riflettevano temi che erano in risonanza con gli afro-americani, che guidavano la Black Freedom Struggle e ispirarono movimenti all'interno della comunità asiatico-americana. Quando nel 1973 usci' "Enter the Dragon", i film di Gung Fu, diventarono molto popolari. I film di Gung Fu sono stati i migliori film durante l'intera stagione di successi Primavera / Estate del 1973. Questo fenomeno di Gung Fu, passato perfino dalle televisioni, riempivano le slot a basso costo, soprattutto la domenica pomeriggio. È attraverso la televisione che W. Kamau Bell, è stato introdotto per la prima volta nei film di Gung Fu e "Bruce Lee". Ha girato molti film ma in ogni luogo in cui viveva riceveva proposte per programmazioni anche in tv. Guardando a questi programmi televisivi, Kamau immagino' che Bruce Lee avrebbe girato un sacco di film, anche se pero' per l'andazzo che cera, non sembrava riuscire a girarne molti. I veri film di Bruce Lee, in un primo tempo, non vennero mostrati in TV, almeno per quel periodo. Quando pote' vedere Enter the Dragon, Kamau comprese che questo Bruce Lee era diverso da tutti i suoi sosia ed imitatori. Kamau dopo essere diventato un profeta di Bruce Lee, cerco' di ottenere abbastanza firme in una petizione per far diventare Bruce Lee una stella della Hollywood Walk of Fame. Avrebbe preso l'autobus per Chicago, per andare a prendere lezioni di Gung Fu, perché sapeva che era quello che Bruce Lee studiò, e fu' infatti poi quello che Bruce mostro' nei suoi film. Fu' solo quando Kamau si trasferì a San Francisco e guardò un documentario su Bruce Lee a Chinatown, che si rese conto che Bruce Lee non avrebbe mai dipeso da lui. Kamau sentiva Bruce Lee come appartenete a lui, come se fosse l'unico suo fan al mondo, e fino a quel momento non lo avrebbe mai collocato nel suo contesto culturale come un semplice uomo americano cinese o come un eroe asiatico. È stata la sfida di Bruce Lee per l'Uomo, il razzismo e il potere statale che ha davvero risuonato con Kamau come un giovane uomo afro-americano cresciuto nella Chicago del 1980. Crescendo Kamau, non vide mai alcuna differenza sul colore della pelle tra Bruce Lee e lui. In entrambi i suoi scritti e film, Bruce Lee incarnava l'autodeterminazione, l'autosufficienza e l'autoprotezione, che erano anche messaggi pervasivi nella comunità afro-americana. Shannon ha scoperto cosi', che suo padre Bruce, continua ad essere amato in tutto il mondo da tutte le razze e religioni. La sua filosofia rimane ispiratrice, motivazionale e importante a livello umano per tutti. L'energia unificante di Bruce Lee è ancora viva, puoi sentirla quando guardi i suoi film o leggi i suoi scritti, che ripetiamo, assumono un contesto importantissimo di valori, fra' i suoi appassionati e praticanti. L'energia di Bruce Lee, può essere sentita così fortemente attraverso i suoi film e i suoi scritti a causa della quantità di lavoro personale che ha voluto creare anche per gli altri. Questo lavoro autonomo ha portato Bruce ad esprimere la sua energia attraverso i suoi film e i media, che possono ancora essere consultati e rivisti oggi. Quell'energia stimola il nostro interesse a saperne di più su Bruce Lee, e poi troviamo nei suoi scritti, nella sua filosofia e nella sua vita, che ci sono davvero degli insegnamenti interessanti, buoni e utili per noi come esseri umani. In questo modo, Bruce Lee ha toccato la vita di molte persone. Un esempio del potere unificante di Bruce Lee, si puo' trovare oggi nella storia della città di Mostar, che ha eretto una statua di Bruce Lee subito dopo la guerra in Bosnia. La città di Mostar si ritrovo' con molti monumenti distrutti durante la guerra a cui partecipo', e decise di costruire una statua di Bruce Lee perché in tutte le parti del mondo si potesse parlare di lui, e molti potessero trovarsi d'accordo nell'amarlo e rispettarlo. Questa statua di Bruce Lee è un simbolo di solidarietà in tutte le città etnicamente divise e soprattutto per le divisioni esistenti nell'attuale mondo del JKD. Shannon continua a lavorare condividendo l'eredità e la filosofia di suo padre, perché sa' che puo' col suo lavoro di unione, continuare ad unire e ad ispirare molte persone. Bruce scrisse che un giorno, avrebbe sperato che qualcuno vedesse la sua esibizione o il suo lavoro e dicesse: "Ehi, questa è davvero qualità, qui c'è qualcuno vero". Gli sarebbe davvero piaciuto. " Bruce riusci' a raggiungere questo traguardo, ed è per questo che continuiamo ancora oggi a seguirlo e a prenderlo come esempio. Shannon vede in effetti, che l'energia di suo padre è realmente viva. È attraverso l'amore per le arti marziali e la sua fede in cio' che faceva, che oggi ci spingen con forza enorme, a seguirne le orme e l'esempio, di artista marziale straordinario e di padre e marito meraviglioso. La maggior parte della popolazione mondiale, conosce il nome di Bruce Lee, ma molti di essi non ne' conoscono ancora il vero motivo. Questo è il motivo per cui Shannon è entusiasta di poter continuare a condividere l'eredità di suo padre, che era davvero una persona reale, ed e' come se si potesse sentirlo e vederlo. Bruce Lee si impegno' con tutte le sue forze a eliminare le differenze, portando tutto il mondo delle arti marziali ad assumere quel sapore di unicità destinata per sempre ad essere celebrata. Bruce Lee ha raggiunto e messo daccordo tutti dicendo: "Siamo tutti una famiglia sotto il sole".