HOME PAGE

                           Direttore Sifu Alessandro Costantino        Anno V  Numero 09

NOVEMBRE 2020



Sesto periodo: Eta’ moderna
________________________________________________________________________

Nel 1911 un'insurrezione provoc˛ il crollo della dinastia ChÝng e la nascita della Repubblica (1 gennaio 1912).

Fra il 1920 ed il 1930 vi fu una notevole promozione e diffusione delle arti marziali fra la popolazione. Il famoso maestro Yang Ch'eng Fu propagand˛ in quegli anni il T'ai Chi Ch˙an in tutta la Cina.

Nel 1928 fu fondato a Nanchino un Istituto per lo Studio delle Arti Marziali Tradizionali (denominate Kuo Shu, ossia Arte Nazionale) ed una commissione dei migliori maestri mise a punto delle forme semplificate di Kung-fu, denominate Lien Pu Ch˙an (Pugilato per l'esercizio delle posizioni), per facilitare l'insegnamento ai bambini nelle scuole.

Hanno inizio anche le prime competizioni sportive che mettono fine alle sfide fra le varie scuole che un tempo erano molto diffuse e che spesso terminavano in sanguinosi combattimenti.

Il fatto pi¨ significativo di questi ultimi anni Ŕ il crescente interesse del mondo occidentale per le Arti Marziali Tradizionali Cinesi la cui diffusione Ŕ per˛ ancora piuttosto limitata per i seguenti motivi:

Gli autentici maestri in occidente sono ancora rarissimi, abbondano invece falsi maestri ed istruttori scarsamente qualificati.

Spesso vengono propagandate col nome di Kung-fu o di Shaolin altre arti marziali.

Le Arti Marziali Cinesi sono ancora per lo pi¨ organizzate su base familiare. Ne deriva una vera e propria polverizzazione di stili e di metodi nell'ambito di uno stesso stile. Ogni maestro ha il suo sistema di insegnamento, i suoi programmi, i suoi criteri di promozione e vi sono quindi notevoli differenze fra una scuola e l'altra anche se appartenenti allo stesso stile.

Molti maestri utilizzano ancora i vecchi metodi di insegnamento i quali, se potevano andar bene centinaia di anni fa quando gli allievi praticamente vivevano insieme ai maestri, sono superati e poco efficaci nel mondo moderno e soprattutto in quello occidentale dove si vogliono raggiungere risultati concreti in un tempo relativamente breve.

La vera e propria smania di segretezza, un tempo giustificata, che ha provocato la scomparsa di numerosi stili, Ŕ ancor oggi tipica di molti maestri (spesso purtroppo i migliori) che insegnano solo a pochissimi e fidati allievi.

A Formosa, sotto il controllo dei nazionalisti come abbiamo detto si trasferiscono molto vecchi maestri che, da quest’isola hanno facilmente la possibilitÓ di trasferirsi negli Stati uniti. Essi, con un discreto successo, formarono una buona base di praticanti. Nel contempo per˛ gli stili di Kung Fu si frazionarono ulteriormente.

Intorno al 1970 dall’America il Kung Fu comincia a propagarsi anche in Europa. Nel Vecchio Continente le arti marziali erano giÓ presenti da tempo con il Karate. I numerosi films sulle arti marziali di questo periodo contribuiscono a diffondere l’arte marziale cinese, anche se hanno messo in luce solo gli aspetti violenti e deteriori delle arti marziali.