HOME PAGE

                           Direttore Sifu Alessandro Costantino        Anno V  Numero 03

MARZO 2020


Lo Zen dell’arte Giapponese nella bibblioteca di Lee
________________________________________________________________________

Torniamo alla Biblioteca di Bruce Lee per esaminare un altro libro che ha influenzato notevolmente la sua filosofia. Bruce avrebbe sottolineato e annotato tutti suoi libri e avrebbe pubblicato un diario sulla loro esistenza, creando la propria versione di un nuovo modo di concepire le arti marziali, dopo aver letto e studiato in modo infinito. In uno dei suoi piu’ apprezzati volumi, Lo Zen dell’Arte giapponese, A Way of Spiritual Experience di Toshimitsu Hasumi, Bruce riusci ad evidenziare certi passaggi, preso appunti dappertutto e scritto una lunga nota all'inizio del libro. Questo libro, Zen in Japanese Art, A Way of Spiritual Experience di Toshimitsu Hasumi, parla dell'idea che l'arte giapponese, o Zen dell'arte giapponese, fosse un'esperienza spirituale collegata alla natura, al Tao, all'artista e allo spettatore, anche se non praticante dell'arte. C'è un'essenza spirituale intrecciata in ogni arte, e il modo piu’ sempice per poterne raggiungere il suo fulcro, e’ da individuare e trovare all’interno della sua semplice natura, in tl modo accostandosi ad essa, si puo’ assimilare e raccogliere molto di più. Il primo estratto che Bruce Lee ha evidenziato in questo libro è:
"L'arte è il linguaggio formale dell'anima umana."
Nei confini di questo libro l'autore sta parlando di arte, ma nella filosofia di Bruce Lee l'arte esprimeva la propria anima nel mondo nei nostri modi individuali, anche se l'arte è semplicemente la scoperta e la creazione della propria vita. Per Bruce Lee, la sua arte era considerata un'arte spirituale in quanto vera arte marziale. “L'anima conferisce sempre un nuovo significato alla forma; per questo e’ consigliabile ricercare all’interno dell’espressione artistica e rivelare l'armonia che si nasconda nella potenza cosmica dell’universo." "L'arte vera, è dare forma a chi non e possiede". "L'arte ci aiuta a penetrare in profondità nella struttura interna del cosmo." Tutte queste citazioni che Bruce Lee ha sottolineato, si sono collegate in modo reale alla sua stessa esistenza, creazione e coltivazione del suo SE, e in ultimo, alla sua arte-idea del Jeet Kune Do. Queste citazioni si collegano anche ai pensieri di Bruce su’ come si puo’ divenire una cosa sola con la natura, così come i suoi pensieri sulla forma senza forma, e il vuoto e il nulla. "L'amore per la natura, non solo mostra la via della trascendenza contemplativa, ma penetra ancora all’interno del nostro IO itinerante, facendo da guida nel mondo meditativo dello spirito". “Tale tecnica esteriore pero’, di per sé non è arte. È solo attraverso un lungo addestramento dell'anima che l'allievo potra’ essere condotto alla vera tecnica interiore. " Bruce Lee possedeva molti dei suoi scritti, all’interno dei quali affermava che l'arte è il riflesso dell'anima e che l'artista marziale avrebbe dovuto possedere padronanza di se’ stesso per riuscire a ritrovarsi al culmine della propria disciplina. È interessante come il personaggio Bruce Lee, un cinese, possedesse e studiasse un tale libro sull'arte giapponese, vista la rivalita’ e l’odio che esisteva all’epoca tra’ le due razze. Intnto apparentemente, cio’ che stava stuiando e coltivando, sembrava non avere nulla a che vedere a livello razziale e tradizionale con cio’ che stava coltivando. Tuttavia Burce, ci teneva ad evidenziare questo passaggio, cioe’ cio’ che indicava la conoscenza la sapienza e la ricchezza che si sarebbe potuto ottenere dallo studio di altre culture: "Lo sforzo stesso di comprendere una cultura straniera, sviluppa la completezza e la vivacità della capacità di comprendere la propria tradizione, Il cui principio estetico più importante è il raggiungimento dell'armonia". "La cultura, non è altro che un sistema costruito da un anima pura e libera, costruita sulla base della natura mediante azioni personali e rivendicando la comprensione universale." "Più profondamente è radicata l'anima di un artista, più è originale." Tutte queste citazioni sottolineate, e avvolte scritte, puntano davvero verso le parti fondamentali delle filosofie di Bruce Lee relative al vivere autenticamente, all'autorealizzazione, all’esprimersi onestamente e ad essere sempre un'anima libera, senza costrizioni ne’ restrizioni. "I filosofi, uomini di apprendimento e maestri in tutti i rami dell'arte, devono prima essere padroni di vita, perché e’ l'anima che crea tutto". In questo libro, l'autore parla di come l'arte sia spirituale, e rapprenti un'esperienza di liberta’ per tutti. Inoltre l'artista deve essere un maestro di vita che deve avere svolto un lavoro di ricerca dell'anima, condotto in modo da risultare l’unico canale di conduzione per l'arte. In tutte queste sezioni evidenziate, l'arte è descritta come un complicato processo, non come il prodotto diretto di un artista marziale. "L'arte rappresenta un metodo eterno che non può mai essere completato, e non trova né sazietà né realizzazione." "l'arte è solo la via dell'assoluto e nello stesso tempo dell'essenza della vita umana." Anche se tutte queste citazioni descrivono l'arte, possono essere applicate alla creazione e conduzione della propria vita. La creazione di armonia nella tua esistenza, è un processo per tutta l’intera vita non è mai terminato. "Tutto è instabile e soggetto a cambiamenti, e solo quando il sé ritorna al Sé superiore, viene percepita, raggiunta e sperimentata la verità." Cosicche’, I dieci passi dell'esperienza della verità per raggiungere il DO, sono: Cercare e lottare per la verità al fine di cogliere tutto ciò che è essenziale, come la consapevolezza della verità, dove è necessario avere un atteggiamento mentale ben definito. Gli elementi che ne’ classificano tali caratteristiche, sono:
1)Percezione della verità.
2)Comprensione della verità.
3)Sperimentare la verità.
4)Padroneggiare la verità.
5)Dimenticare la verità.
Dimenticando il corriere della verità, essa ritornera’ alla fonte primaria dove essa stessa ha le sue radici, e andare a riposare nel nulla. “Lo scopo dell'arte, tuttavia, non è la promozione unilaterale dello spirito, anima e senso, ma l'apertura di tutte le capacità umane, pensiero, sentimento e volontà, che viaggeranno al ritmo della vita del mondo della natura; solo così la voce senza voce può essere ascoltata e l'IO sara’ portato in armonia con essa. " Nella prima pagina di questo libro, Bruce ha scritto le seguenti note:
“Attraverso l'arte, la nostra anima è ciò che dobbiamo impiegare per dare una nuova forma e un nuovo significato alla natura o al mondo intero. L'arte si rivela nella comprensione psichica della sua essenza interiore e dà forma al rapporto dell'uomo con il NULLA, con la natura dell'Assoluto. L'arte richiede la completa padronanza delle tecniche sviluppate dalla riflessione dell'anima stessa. "Arte senza arte" è il processo artistico all'interno dell'artista, e il suo significato è "arte dell'anima". Tutte le varie mosse di tutti gli strumenti, significano muovere un passo verso il mondo estetico assoluto dell'anima. Il suo effetto è l'approfondimento della dimensione personale dell'anima. Abilità artistica quindi non significa perfezione artistica, ma rimane piuttosto un mezzo continuo o riflesso di qualche passo fatto da noi verso lo sviluppo psichico, la cui perfezione non si trova nella forma senza forma, ma deve irradiarsi dall'anima umana. L'attività artistica non consiste nell'arte stessa in quanto tale, ma consiste nel penetrare in un mondo più profondo in cui tutte le forme d'arte di cose vissute interiormente, confluiranno tutte insieme e in cui l'armonia di anima e cosmo nel NULLA, ha il suo risultato nella realta odierna, di cose che a primo acchitto possono sembrare blande e senza significato, ma che poi invece assumeranno un’importanza ed un significato profondo, molto piu’ profondo di quello comunemente dato in superficialita’. Da tutto questo bisognera’ solo imparare, prendere e immagazzinare, ma poi via via si dovra’ imparare a svuotarsi e a liberarsi da tutto quello che sara’ stato appreso nel tempo, assimilato negli anni, non dimenticandosi pero’ che il tutto, sara’ gia’ stato acquisito e dimenticato.