HOME PAGE

                           Direttore Sifu Alessandro Costantino        Anno III  Numero 03

MARZO 2018


Il JKD non e’ uno sport
________________________________________________________________________

Il jkd non uno sport, Non una cosa solo fisica; esso e’ soprattutto maturita’ mentale, filosofica, spirituale... per questo nel progettare e portare avanti l'evoluzione del jkd, Bruce segui’ la filosofia dei vari maestri Zen, principalmente di due in particolare: D. T. Suzuki e toshimitsu hasumi . Da loro ha tratto numerose idee legate allo zen, dalle quali Suzuki ha coniato una particolare definizione: "la religione del guerriero", da cui lo stesso Bruce Lee, ha preso le sue moltissime idee di combattimento. Quando nel periodo fra’ giugno e luglio del ’67, Bruce era impegnato, insieme al suo caro amico ed allievo Dan Inosanto, a cercare il nome piu’ appropriato per il suo nuovo modello di arte, successe che quel nome, doveva essere destinato ad appartenere a determinati significati profondi, ai quali Bruce era fortemente legato, e da profondo studioso qual’era, trovo’ che la sua idea, avesse potuto portare il nome di "Jeet Zen do", un nome appunto, che in quel preciso momento storico, avrebbe delineato prima, approfondendo poi, il completo e definitivo nome spirituale per la sua nuova creazione. Marcos Ocaa, nei suoi scritti, racconta dettagliatamente di quelle molte influenze che Bruce prese in prestito dallo Zen, cos come i suoi autori pi influenti, si espressero attraverso esempi che lo affascinarono moltissimo e che accetto’ e sposo’, sotto forma di pensiero zen, e che fecero grande leva e grande azione di influenza nella definizione ultima di jkd, sigla che rappresento’ poi piu’ in seguito, il nome definitivo della sua arte. Noi speriamo che tali informazioni, possano servire per una piu’ completa e profonda conoscenza ed istruzione, e che possano servire ai comuni praticanti, o a chi non ha mai avuto la possibilita’ prima d’ora, di andare molto piu’ a fondo in questo preciso argomento, argomento di cui si parla ancora oggi, ma che ha trovato davvero poche persone davvero oneste intellettualmente e preparate per poterlo affrontare.