HOME PAGE

                           Direttore Sifu Alessandro Costantino        Anno VI  Numero 5

MAGGIO 2021


Le leve articolari delle arti Marziali
________________________________________________________________________

Non tutto è realmente così semplice come si vede, magari in televisione, o al cinema o addirittura su dei filmati di youtube. Quante volte vi sarà capitato di vedere alcune scene di combattenti che si scontrano, e con una serie di leve articolari riescono a bloccare e a mettere a ko l'avversario come se fosse una passeggiata? Beh io non credo che possa davvero essere possibile, soprattutto se prima di ogni cosa non viene creata una situazione di ammorbidimento del soggetto, e successivamente di sottomissione. In una improvvisa situazione reale di attacco che possiamo ricevere da chiunque, innanzitutto bisogna calcolare parecchie cose: L'avversario in genere ci attacca con decisione per farci davvero male, sperando di trovarci impreparati il piu’ possibile e nella maggior parte dei casi tendera’ a colpirci più volte. Se il nostro aggressore fisicamente e’ molto più forte di noi, già saremo costretti a partire in svantaggio, perché non è semplice riuscire ad effettuare delle leve articolari ad un avversario molto più robusto e forte di noi, ne’ tantomeno potremo riuscire a metterlo ko con uno dei nostri pugni. Sono tanti i motivi che mi fanno supporre che le leve articolari non sono efficaci durante uno scontro reale, e cosi’ e’ davvero. Certo in alcuni casi, potremmo sfruttare la forza del nostro opponente contro di lui stesso, ad esempio, e se e’ uno abituato a sferrare pugni lenti, allora in quel caso potrei provare a bloccarlo al volo con un tan sao e poi afferrargli il polso e con altre manovre piu’ articolate, cercare di sottometterlo, stando attendo ai suoi calci e alle sue testate. Cosicche’ si troverà sbilanciato, e volendo, potro’ cosi’ sfruttare la situazione in cui sono riuscito a metterlo. Cosicche’ esso, potra’ da me esere bloccato ed infine immobilizzato, ma non è mai così semplice come può sembrare. Ricordate che l'avversario vuole farvi molto male e non si limiterà solamente a proiettarvi un pugno in faccia o a cercare di buttarvi per terra, ma quasi sicuramente tenderà ad attaccarvi con una serie di pugni e quando sarete a terra vi tirerà dei calci in faccia. Un buon consiglio che posso dare, è di non cercare mai uno scontro per terra se non avete esperienza, poiché se il vostro avversario riuscirà ad immobilizzarvi, per voi sarà la fine. Il mio consiglio personale è allenare molto le gambe usando la corsa sul posto, e i piegamenti sulle gambe a modi Squott. Questo vi permetterà di ottenere una maggiore stabilità nelle gambe e quindi non vi farà cadere facilmente durante un aggressione, perche’ avendo acquisito molta capacita’ in esse, in agilita’ e in destrezza, potrete allontanarvi e riavvicinarvi, riuscendo anche a scagliare un calcio potente, o un micidiale pugno in faccia a chiunque. Per quanto riguarda il discorso di utilizzare per forza le leve, io vi sconsiglierei questo genere di pratica, e vi consiglierei di puntare molto di più sui pugni e i calci, anche se le leve possono sempre tornare utili, ma solo in alcuni rari casi.