HOME PAGE

                           Direttore Sifu Alessandro Costantino        Anno VI  Numero 7

LUGLIO 2021


Kung-fu: benefici e controindicazioni di questa antica disciplina cinese
________________________________________________________________________

La disciplina che comunemente viene identificata con il termine kung-fu (in cinese: duro lavoro) e che, più correttamente si chiama wushu kung-fu, è un’arte tradizionale cinese che vanta una storia molto antica: tracce risalgono addirittura fino all’XI secolo a. C. Da questa derivano tutte le altre arti marziali conosciute. Nella Repubblica popolare Cinese, è materia d’insegnamento scolastico e nonostante non sia ancora diventata disciplina olimpica(in Europa viene usata come disciplina da gara), è conosciutissima nel mondo grazie all’attore Bruce Lee e in tempi più recenti, il quale ha cominciato la sua ascesa di artista marziale provetto proprio col Wing Chun Kung fu di Mister Yip Man di Hong Kong, ai film d’animazione della serie Kung Fu Panda. Anche il kung-fu ha due specialità: il «taolu», una serie codificata di sequenze di calci, pugni e salti acrobatici con o senza armi, e il «sanda» o «sanshou», combattimento libero a contatto pieno in tutto il corpo, tutelato da protezioni, con l’utilizzo di calci, pugni e proiezioni, ma anche questi vengono usati come sport, sia in Italia che in tuta Europa. Centinaia sono gli stili riconosciuti in tutto il mondo e codificati nelle competizioni internazionali. Non meno importante, citiamo il Wing Chun Kung Fu, arte di difesa personale tecnico-scientifica, della quale ancora oggi sono veramente in pochi a conoscerne usi, segreti e benefici. Quali sono i benefici? «Il kung-fu consente di migliorare la mobilità articolare, la coordinazione e la forza esplosiva: in alcuni modelli di stili sono previsti molti salti e tecniche simili a quelle della ginnastica artistica», dove tutti i muscoli vengono coinvolti. «Con una particolarità: ogni esercizio è eseguito sia con la parte sinistra sia con quella destra del corpo. Tale gestione, avviene anche nell’arte del Wing chun, arte molto semplice da eseguire ed applicare, che non prevede grandi salti, ne’ capriole, ne’ voli pindalici, ma usa le braccia e le gambe per una difesa efficace a 360’, e prevede l’allenamento e l’irrobustimento di avambracci, tibie, pugni, e nel caso delle mani, i palmi e le dita. Gli atleti perciò beneficiano di uno sviluppo muscolare perfettamente simmetrico». A chi è indicato? La pratica di queste discipline, è adatta e consigliata a tutte le fasce di età, soprattutto per gli stili che sono stati trasformati in giochi sportivi. Basta pensare che in Cina ci si avvia alla pratica già dai tre anni in poi. «In Italia si comincia dai quattro-cinque in poi, e non c’è un vero limite limite d’età: ciascuno può praticarlo al livello più adatto alla propria condizione fisica e alla sua cultura e mentalita’. Il wushu kung-fu, ad esempio, fornisce anche un’ottima base per potere svolgere qualunque altra attività sportiva». Quali sono le controindicazioni? Sono poche per fortuna. «Chi è in buona salute non incontra nessun ostacolo, non solo: chi soffre di mal di schiena, soprattutto in giovane età, trae grande giovamento» dalle diverse discipline, quelle a carattere sportivo. Chi ha subito traumi nel suo passato, deve prestare attenzione nel combattimento: parlando nel caso specifico del Wing Chun kung Fu tradizionale e non studiato per le gare, nonostante le protezioni che limitano al minimo eventuali danni fisici, o per la faccia o per altre parti delicate del corpo umano, puo’ esistere il reale rischio di poter rimanere invalidi a vita, questo rischio esiste soprattutto quando durante l’allenamento per la strada, si possono infliggere dei colpi molto forti al nostro sparring partner. Per cui il nostro saggio consiglio, sarebbe quello di scegliere in modo molto saggio e attento quale tipo di attivita’, stile e scuola scegliere, sia per l’ambito sportivo, che per quello marziale, come nel caso del Wing Chun o del JKD, che potrebbero risultare molto pericolosi se non si ha un insegnante preparato per l’addestramento dello studente e l’avviamento all’arte di combattimento e difesa da strada..