HOME PAGE

                           Direttore Sifu Alessandro Costantino        Anno V  Numero 01

GENNAIO 2020


Anche Bruce Lee amava scrivere articoli e copioni
________________________________________________________________________

In questo nostro articolo, mostreremo ai nostri lettori come e in quale sostanza, Bruce Lee, amava scrivere per il suo pubblico, e per i suoi seguaci, informazioni e notizie atte alla realizzazione delle sue grandi opere, sia cinematografiche che stilistiche, e con quale precisione e signorilita’ lo faceva:
•    Al momento sto lavorando al copione del mio prossimo film [The Game of Death]. In realtà non ho ancora deciso il titolo, ma ciò che voglio dimostrare è la necessità di adattarsi alle mutevoli circostanze. L'incapacità di adattamento conduce alla distruzione. Ho già in mente la prima scena. Inizia il film, ed il pubblico vede un'ampia distesa di neve. Poi la telecamera si avvicina sempre di più ad un gruppo di alberi, mentre i suoni di una bufera riempiono lo schermo. C'è un albero gigantesco al centro dello schermo, interamente ricoperto di una spessa neve. Improvvisamente si ode un forte schiocco ed un grande ramo dell'albero cade a terra. Non ha potuto sopportare il peso della neve e si è rotto. Quindi la telecamera si sposta su un salice che si piega al vento. Dal momento che si adatta all'ambiente, il salice sopravvive.[1]
•    Recitando alcune righe che aveva scritto per il suo breve ruolo nella serie TV Longstreet: Se cerchi di ricordare tutto, perderai. Svuota la tua mente. Sii senza limiti, senza forma, come l'acqua. Se metti l'acqua in una tazza, lei diventera’ una tazza. Se la metti in una teiera, essa diventra’ la teiera. L'acqua può fluire, puo’ spargersi, travolgere odistruggere. Sii acqua, amico mio.[3]
•    Qualunque tentativo di scrivere un articolo denso di significato su come io, Bruce Lee, sento e penso o mi esprimo, è innanzitutto un compito assai arduo, in quanto mi trovo tuttora immerso in un processo di apprendimento, in una costante scoperta di crescita. E come se tutto ciò non bastasse, sono nel mezzo della preparazione del mio prossimo film, I 3 dell'Operazione Drago (titolo in originale, Enter the Dragon), una coproduzione tra Concord e Warner Bros, più un'altra produzione della Concord, L'ultimo combattimento di Chen[4] (titolo in originale, The Game of Death), di cui abbiamo realizzato soltanto la metà. In quest'ultimo periodo ho avuto un gran da fare con emozioni mescolate tra loro. Naturalmente, questo scritto potrebbe avere pretese inferiori se io mi permettessi di indulgere nel solito gioco di manipolazione della creazione del personaggio. Fortunatamente per me, la mia personale consapevolezza ha trasceso tutto ciò, e sono riuscito a capire che la vita va’ vissuta, non concettualizzata. Sono felice perché sto crescendo ogni giorno di più e onestamente non conosco i miei limiti. Ad essere sinceri, ogni giorno può esserci una rivelazione o una nuova scoperta per me. Tuttavia, la gratificazione più grande deve ancora arrivare: sentire un altro essere umano dire: "Ehi, c'è qualcosa di autentico qui!" Oh, lo so, non vengo chiamato in causa per scrivere una confessione vera, ma voglio essere sincero, il che è il minimo che un essere umano possa fare. Fondamentalmente, io sono un praticante di arti marziali per scelta e un attore di professione. Ma soprattutto spero di realizzarmi lungo la via come un artista della vita. L'arte marziale, infatti, così come qualsiasi altra arte, è un'illimitata espressione atletica di un'anima individuale. Oh certo, l'arte marziale è anche quotidiano allenamento fisico, quasi da eremiti, diretto a migliorare o mantenere la propria qualità. Tuttavia, l'arte marziale serve anche a manifestare l'anima umana così com'è, ed è questo che mi interessa. Certo, sono cresciuto un bel po' dal giorno in cui divenni un praticante di arti marziali, e il mio è un processo di continua crescita, tutt'ora. Vivere significa esprimersi liberamente nella creazione. Creazione che, devo dirlo, non è qualcosa di fisso, una solidificazione. Spero pertanto che i miei colleghi praticanti di arte marziale riusciranno ad aprirsi ed essere veri e trasparenti, ed io auguro loro ogni bene nel processo di ricerca delle proprie radici.
•    Quando si raggiunge la maturità in quest'arte, si avrà una forma senza forma. È come il ghiaccio che si dissolve nell'acqua. Quando non si ha una forma, si può avere qualsiasi forma; quando non si ha uno stile, si può avere qualsiasi stile.
•    In definitiva tutte le forme di conoscenza portano alla conoscenza di se stessi. Quindi, queste persone mi chiedono di insegnare loro non tanto a difendere se stesse o come essere qualcuno. Esse desiderano piuttosto imparare a esprimersi attraverso un movimento, che sia rabbia, determinazione o qualsiasi altra cosa. Quindi, in altre parole, mi pagano per mostrare loro, sotto forma di combattimento, l'arte di esprimere il corpo umano.
•    Come per tutte le forme di esercizio fisico intenso, prima di iniziare il vostro allenamento, dovrete farvi visitare da un medico e assicurarvi di non avere problemi di salute, come disturbi al cuore o malattie respiratorie. Se sfortunatamente doveste soffrire di una di queste malattie, interrompete il vostro allenamento e aspettate fino a quando non sarete guariti. Altrimenti, l'allenamento potrebbe nuocervi e potrebbe addirittura essere fatale.
•    Allenarsi per la forza e la flessibilità è indispensabile. Dovete usarle per aiutare l'esecuzione delle vostre tecniche. Le tecniche da sole non sono di nessuna utilità se non le sosterrete con la forza e la flessibilità.
•    Se state parlando di sport, è una cosa. Ma quando si parla di combattimento per via della sua natura, be' allora, è bellezza, è meglio che alleni ogni parte del tuo corpo.
•    Soprattutto, non barate in nessun esercizio; usate il peso che riuscite a maneggiare senza sforzo eccessivo.
•    La mia forza viene dall'addome. È il centro di gravità e la sorgente della vera potenza. (p. 73)
•    Non dovremmo dimenticare di allenare il collo e le spalle.
•    Eseguire il good morning con del peso aggiuntivo fu una mia stupidaggine. Tutto quello di cui si ha bisogno è la sbarra stessa. (Bruce Lee che si riferisce al suo infortunio alla schiena, e ha ammesso il suo errore).
•    Sviluppate le gambe al massimo della loro forza e flessibilità.
•    In combattimento, le ginocchia e le tibie sono le parti più deboli se mancano di una preparazione adeguata. Quando vengono ferite, chi pratica le arti marziali non sarà più in grado di combattere. Quindi è importante aumentare l'allenamento delle nostre gambe ed evitare qualsiasi attacco a quelle parti del corpo.
•    Pensi che un combattimento sia un solo colpo? Un calcio? Finché non sei in grado di eseguire combinazioni insieme senza neanche pensarci, finché non capisci come tenerti in movimento e come avere resistenza, assumi una guardia del corpo o conduci una vita più pacifica.
•    Mi rilasso finché devo usare tutti i muscoli del mio corpo e poi concentro tutta la forza nel mio pugno. Per generare una grande forza prima è necessario rilassarsi completamente e raccogliere le forze, e poi concentrare la mente e tutta la forza nel colpire il bersaglio.
•    Quando pratichi le arti marziali, devi mangiare solo quello di cui hai bisogno e non farti prendere da cibi che non ti fanno bene in quanto praticante di arti marziali.
•    Ci sono persone che possono non crederci, ma ho passato delle ore a perfezionare quello che facevo.
•    Usate le vostre idee per creare nuovi modi di migliorare il funzionamento del corpo nel Gong Fu , e al diavolo le opinioni e i metodi convenzionali.
•    Bruce Lee, Aveva creato se stesso. Era riuscito a scolpire il suo stesso corpo; ciascuno dei suoi muscoli era tonico e regolato su quello che stava facendo in quel momento. L'ultima volta che lo vidi era in una condizione praticamente perfetta: la sua pelle era come il velluto, era liscia e lui aveva un aspetto fantastico. (James Coburn)
•    Bruce Lee aveva un fisico davvero, e intendo davvero definito. Aveva pochissima massa grassa. Aveva probabilmente uno dei coefficienti di massa grassa più bassi di qualsiasi altro atleta esistente. E credo che questo sia il motivo per cui aveva un aspetto così credibile. Ci sono oggi tante persone che fanno le sue stesse mosse e che sono davvero capaci, ma visivamente non appaiono né così credibili né così impressionanti come lo era Bruce Lee. Era davvero unico. Era un idolo per tantissime persone. La cosa incredibile riguardo a una persona come lui è che è diventato una fonte di ispirazione per milioni e milioni di ragazzini che vogliono seguire il suo esempio, che vogliono diventare esperti di arti marziali, e vorrebbero addirittura girare film. E quindi questo è quello che fanno e si allenano ogni giorno per ore e ore. Uno come Bruce Lee fornisce un'ispirazione incredibile, che aiuta tantissimi ragazzi in giro per il mondo. Ha avuto un impatto così profondo e immenso in tutto il mondo, e credo che per questo verrà ammirato per moltissimo tempo a venire. (Arnold Schwarzenegger)
•    Bruce si tolse la maglietta e io rimasi di nuovo senza parole, come succedeva ogni volta che vedevo il suo fisico: aveva muscoli su muscoli. (Chuck Norris)
•    I film con Bruce Lee, questo Fred Astaire del kung-fu, offrono momenti gustosi, ricordando quasi il dinamismo spensierato del cinema muto. (il Morandini)
•    Io odio Godzilla, lo odio proprio, lo odio! Però amo Bruce Lee, lui è buono, è tanto buono! (Una notte da leoni)
•    La ricerca di Lee nel campo della fisiologia umana dimostrò che condividiamo tutti una fisiologia comune e, di conseguenza, abbiamo tutti una risposta molto simile allo stimolo dell'esercizio. (John Little)
•    Nessun altro essere umano si era mai allenato come Bruce, e specialmente in questo modo fanatico. Lo viveva e lo respirava dal momento in cui si svegliava alle sei di mattina fino a quando andava a dormire la notte. Si allenava o pensava all'allenamento. La sua mente era sempre attiva, mai a riposo. Pensava sempre a dei modi di migliorarsi e quali nuove invenzioni fossero possibili. La sua mente era costantemente attiva. (Chuck Norris)
•    Non pesava tanto, ma sfruttava il massimo da quello che aveva. Era veramente forte e tutto il peso che aveva era muscolo. Aveva una forma fisica molto curata, molto definita. (Kareem Abdul-Jabbar)
•    So che milioni di suoi ammiratori sono convinti che Bruce nacque con un corpo cosi speciale; lo hanno potuto vedere esprimere la sua forza straordinaria, osservare la sua agilità, studiarlo mentre contraeva i suoi muscoli straordinariamente definiti. Molti di loro semplicemente non mi credono quando gli spiego che Bruce ha costruito il suo fisico straordinario esclusivamente grazie all'applicazione e alla forza di volontà; cioè attraverso l'allenamento intenso. (Linda Lee Cadwell)
•    Son finito dietro la cinepresa perché adoravo Bergman, ma anche Bruce Lee. Underground è puro Shakespeare filtrato dai fratelli Marx: più che dal cinema discende dai Clash. (Emir Kusturica)