HOME PAGE

                           Direttore Sifu Alessandro Costantino        Anno IV  Numero 04

APRILE 2019


La leggenda del Wing Chun Yip Man
________________________________________________________________________

Questo Articolo vogliamo dedicarlo alla leggenda del Wing Chun , al Gran Master Yip Man.
La leggenda narra che il pugno dell'eterna Primavera, passa attraverso Chan Wah Shun "Il cambia valute" e Arriva al maestro Yip Man, Diventato famoso per merito del grande successo ottenuto da Bruce Lee nello schermo, e che lo porto' con se' in ogni parte del mondo, ergendolo a suo personale ed unico maestro. Dopo la morte di Chan Wah Shun, noto come Wah "il cambiavalute", il Wing Chun cominciò ad entrare in un periodo di decadenza che durò un bel pò di anni. In questo periodo turbolento, gli allievi pensavano più a lavorare per mantenere le proprie famiglie piuttosto che allenarsi. Pertanto il Wing Chun, rischio' seriamente di perdere la propria preservazione, tradizione che passava di generazione in generazione. Il compito di tramandare ai posteri il Wing Chun Fu, fu' cosi riservato all'ultimo allievo del Gran Maestro Chan Wah Shun, ovvero Yip Man. Sotto la guida di YIP MAN, cominciò una vera e propria epoca d'oro per questa nobile arte marziale. Yip Man, fu' l'ultimo Gran Maestro che tutti considerarono un vero rappresentante e leader. Facente parte di una famiglia benestante, ricco proprietario di un terreno e di una via intera con tutti i suoi immobili, Yip Man, avrebbe potuto condurre una vita comoda e sicura per tutta la sua vita. Fu' un vero "Figlio di Papà" fin dalla sua giovinezza, vivendo di rendita e senza mai sporcarsi le mani con il lavoro. Ma con stupore dei propri familiari, il maestro Yip, scoprì sin da giovane ragazzo la propria innata passione per le arti marziali, anche se all'epoca ad un cinese colto e benestante non era consentito di scegliere il Kung Fu come vero hobby, in quanto come avviene in occidente, dove la boxe e la lotta venivano considerate delle attività per le classi inferiori, anche in Cina, la pratica di discipline o arti marziali da combattimento erano destinate soltanto alle classi proletarie piu' abbienti e molto povere. Con grande differenza rispetto al Karate Giapponese, che invece veniva insegnato in ambienti benestanti, agli universitari e quindi praticato dalle classi borghesi. Per tale motivo la maggior parte degli istruttori di Wing Chun dell'epoca erano camerieri, cuochi, persone con poca istruzione e che quindi avevano difficoltà nel tramandare con manuali e libri il proprio sapere tecnico e magari non avevano compreso completamente tutta la filosofia del Wing Chun. Era necessario imparare da istruttori colti per tramandare tutto ciò che concerneva il Wing Chun nella sua vera essenza. Yip Man era un ragazzo istruito ed imparò direttamente il Wing Chun da Chan Wah Shun, il quale dedicò 36 anni della sua vitaall'apprendinento e all'insegnamento dell'arte marziale in argomento, ed in questo periodo ebbe solo 6 allievi a cui tramandare il suo sapere, tra cui il suo figlio carnale, Chan Yu Min e tra i suoi selezionati allievi, troviamo appunto Yip Man che era il più giovane fra' i suoi discepoli, e fu' anche quello che si rivelo' il oiu' importante e prestigioso. Dopo la morte del Gran Maestro Chan Yu Min, il giovane Yip Man, all'età di 16 anni, si trasferì a Foshan ad Hong Kong, dove inizia l'attività di docente ad un college locale. Ma la vera domanda e', come riuscì Yip Man a diventare allievo del Gran Maestro Chan Wah Shun, Visto che ebbe solo 6 studenti in 36 anni? Il Gran Maestro Chan Wah Shun, non aveva un proprio locale dove insegnare il Wing Chun e quindi prendeva in affitto locali da altre persone. Un Giorno la famiglia Yip, molto facoltosa, mise a disposizione un tempio antico come sede di allenamento ed eventualmente di insegnamento per il Wing Chun. Il Gran Maestro aveva pochissimi allievi anche per il costo elevatissimo delle lezioni e per Yip Man, essendo figlio del proprietario del Tempio, fu' molto semplice inserirsi per ricevere le lezioni. Yip Man già alla prima seduta di allenamento, fu' folgorato da questa arte marziale e dopo pochi giorni consegnò un ingente somma al Gran Maestro Chan per poter apprendere seriamente il Wing Chun e diventare suo allievo a tutti gli effetti. Il Gran Maestro fu scettico all'inizio, perchè vedeva i nobili come persone con poco spirito di sacrificio e senza un certo spessore per combattere; ma in seguito vedendo i risultati di apprendimento rapidi e lo spirito di abnegazione dell'allievo Yip, iniziò ad insegnargli sul serio tutto il suo sapere tecnico, con passione ed impegno. Fu' cosi' che Yip Man, divenne quel Gran Master che conosciamo oggi, e che rappresenta la leggenda del Wing Chun Kung Fu ancora oggi, nonostante l'arte sia stata storpiata da tantissimi impostori che la divulgano in modo errato, avendone modificato i principi di base tradizionali sacrosanti e avendo sostituito il vero sistema classico con tecniche banali e di poca efficacia. Sono in pochi, in tutta l'italia, compreso noi, coloro che hanno lavorato, si sono allenati e hanno studiato nella vere accademie tradizionali del Wing Chun, con i veri rappresentanti di allievi diretti di yip Man qui in Italia. Tutto il restante retaggio proviene invece da altre scuole e da diversi altri personaggi che hanno modificato il Wing Chun, inventandone il nome, modificandolo, e le tecniche, che non esistono nel vero Training Group della VTAA di Hong Kong, basta semplicemente informarsi, documentarsi e venire a provare nelle giuste scuole classiche, fra' le quali si trova la JKD DRAGON PHILOSOFY ASSOCIATION, divisione Wing Chun Kung Fu, del Sifu Alessandro Costantino.