PUBBLI-MAGGIO2018-2.gif (22661 byte)

Archivio  anno 2016/2017/2018/2019

                           Direttore Sifu Alessandro Costantino        Anno V  Numero 10

DICEMBRE 2020

LOGO-SLOGAN.gif (4562 byte)

  

DIC-03-2020.jpg (11100 byte)

Cos'Ŕ l'arte del kung fu e come si pratica(Prima parte)
Per quanto riguarda i termini cinesi(e orientali in genere) che usiamo nella pratica del Kung fu, molti di essi hanno subito una doppia traduzione: dal cinese in angloamericano, e da quest’ultimo in italiano. Ci˛ ha inevitabilmente generato una certa confusione. A questo si pu˛ aggiungere il fatto che cerchiamo sempre di comprendere i termini stranieri secondo il nostro modo cartesiano di ragionare, e tutte le volte cerchiamo di etichettare ogni concetto a cui assegnamo da sempre a una categoria ben precisa. Ma a questo proposito, dobbiamo dirvi che la mentalitÓ cinese Ŕ diversa da come invece l’abbiamo inventata noi occidentali: ogni parola con il suo ideogramma rappresenta un’immagine, che assume significati diversi a seconda del
..................................................
DIC-04-2020.jpg (10466 byte) Jeet Kune Do, Se intercettare non Ŕ parare
Un po┤ di tempo fa, ho tenuto un corso di difesa personale specifica per operatori della sicurezza e guardie giurate. Il contesto dell’argomento che ho trattato, non e’ stato certo quello della gestione stile "soft control", specie quando ci si trova di fronte a gente difficile e scalmanata che vuole forzare ad ogni costo un posto di blocco, o insiste per entrare da dove non e’ consentito, o addirittura forzare una barriera fatta da operatori della sicurezza che sono stati addetti e autorizzati a bloccare quel dato accesso di quella precisa postazione, pur essendo molto scottante, ha toccato ben altri temi, avendo io dovuto mostrare realmente quali sistemi di difesa si possono attuare ai danni di questi, “chiamiamoli cosi’, aggressori occasionali”, insegnando
...........................
DIC-06-2020.jpg (5565 byte) Nella difesa personale puo’ bastare un solo pugno
Tempo fa scrissi un post raccontando del mio primo incontro con le arti marziali cinesi. Raccontavo di come per circa un anno mi allenai strenuamente nel Wushu moderno, che un amico della mia famiglia mi aveva portato a frequentare e praticare. Allora avevo 22 anni, e si trattava del Nanquan per la precisione, pensando di star davvero praticando ed imparando un metodo efficace per la difesa personale. Poi perˇ, la realta’ del mondo esterno, mi svelˇ una dolorosa veritß: durante un litigio con un mio compagno di scuola, all’uscita da un corso scolastico, si mostro’ senza alcun dubbio molto piu’ esperto e navigato di me. Fu’ proprio in quel preciso momento che mi accorsi di quanto fossi digiuno di vere tecniche efficaci atte a darmi
................................................





JKD NEWS Periodico di informazione sportiva di Arti Marziali  - Aci S.Antonio - CT   - 342.8847944   -  info@jkdnews.it